Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

LIBRI E RECENSIONI. POWERS. MAKKAI. DOMINI. ROONEY. ROUPENIAN. CUSK

POWERS TO THE PEOPLE (E ALTRE STORIE)
Inizio queste anticipazioni prevalentemente americano-anglosassoni con un libro che attendevo con grande ansia, se così si può dire, ed entrando subito nel vivo dico che si tratta del rigoglioso (figuratamente e no) The Overstory del grandissimo Richard Powers, che in italiano è diventato Il mistero del mondo, e che dovrebbe uscire a Luglio. Il libro parla fondamentalmente di alberi, del rapporto tra uomo e natura, ma non temete, non pare trattarsi di una storia ecologista a tema, anzi sembra presentare una salutare polifonia di personaggi, alcuni problematizzati, alcuni disfunzionali, come tipico dell´autore (ma non parliamo di Franzen, intendiamoci). Avevo letto l´incipit in inglese e sempre riferendomi al tema della natura mi viene in mente l´aggettivo rigoglioso. La trama la trovate su molti siti americani, ma non è necessario, Powers eccelle per visione, scrittura, ricchezza di riferimenti trasversali, empatia (lo avevo chiamato il postmoder…
Post recenti

LE ANTICIPAZIONI. SCRITTORI ITALIANI. SANTONI. TEDOLDI. PECORARO. SCIBONA

THE ACTUAL
Come annunciato ecco ora una lista di anticipazioni italiane. Su una, la prima, ammetto di essere poco sulla notizia, per cui si potrebbe parlare di segnalazione forse addirittura tardiva, parlo della cosa grossa di Vanni Santoni, ovvero de I fratelli Michelangelo, di recente uscito per Mondadori e già molto letto, discusso (ad esempio sui Social), chiacchierato e recensito.
Santoni sta avendo un percorso da scrittore ed editore/scout molto interessante, il suo Muro di casse era una non-fiction specifica (sulla scena rave) che riusciva ad appassionare anche chi magari, come me, non era tanto interessato alla tematica in sé.
I fratelli Michelangelo si presenta come una saga narrativa di ampio respiro, con ambizioni mi pare sociologico-storiche, ovvero la ben nota, se vogliamo, ricognizione di un "trancio di vita" italiana attraverso la visuale e le esistenze di diversi personaggi e differenti generazioni - appunto i componenti della famiglia Michelangelo.
Chi ha s…

MUSICA. STEPHEN MALKMUS - GROOVE DENIED

L´ALBUM-PALAZZESCHI

Si è parlato di Groove Denied, nei circuiti indie, in particolare per tre motivi: per essere il secondo album di Stephen Malkmus in soli due anni, per essere il suo disco elettronico e per essere nato come sorta di proprio divertimento personale, in effetti l´ex-Pavement si presenta qui in formato pienamente solista, senza i suoi Jicks, intento a suonare tutti gli strumenti e a giocherellare con tastierine, moog, drum machine.

In realtà è un disco che potremmo dividere in due parti ben distinte: la prima intrisa appunto di elettronica povera, kraut, non molto cantato, rimandi a certo electropop anche europeo. La seconda invece maggiormente chitarristica, incentrata sulla forma-canzone, ovviamente in senso slacker/lo-fi, in una parola con quel gradevole scazzo tipicamente malkmusiano.

Non so quanto qui abbia senso il mio "classico" formato di recensione canzone per canzone, vista la sostanziale uniformità delle due parti, ma ci si prova.

Belziger Faceplant

LIBRI E RECENSIONI. ALFRED HAYES - IL MIO VISO DAVANTI A VOI

LOS ANGELES E LA RAGAZZA
La narrativa americana sembra essere una fonte inesausta di segreti ben custoditi, scoperte e riproposte: dopo il caso di Don Carpenter mi si sono drizzate determinate antenne vedendo citato questo Alfred Hayes con Il mio viso davanti a noi (per Rizzoli) in un supplemento letterario.
Oltre che giornalista e scrittore, Hayes è stato notevole sceneggiatore, forse soprattutto sceneggiatore, con un focus particolare sull´Italia, avendo operato tra le altre cose come coautore di Paisá e Ladri di biciclette.

La trama di questo breve, rapido, incisivo romanzo vede in effetti come co-protagonista e voce narrante uno sceneggiatore di New York, fitzgeraldianamente di stanza a Los Angeles. Assistiamo subito all´evento scatenante, quello che ha il compito di muovere la trama del libro: durante una festa, l´uomo vede una ragazza con un Martini in mano - scopriremo che si tratta di un´aspirante attrice -avviarsi nell´Oceano, o confusa o decisa a togliersi la vita, e la sal…

LIBRI E RECENSIONI. PAOLO CIAMPI - L´AMBASCIATORE DELLE FORESTE

DISCORSO (NON PEDANTE) SULLA NATURA
Ho preso in mano L´ambasciatore delle foreste di Paolo Ciampi il giorno prima della proclamazione della dozzina dello Strega, per la quale il libro era candidato. Era anche una questione affettiva, trattandosi del candidato di Arkadia, la casa editrice per cui è stato pubblicato un mio romanzo, ma allo stesso tempo non un obbligo, tanto più che il tema vagamente ecologista un po´mi lasciava perplesso.
È stata quindi una prima gradita sorpresa scoprire fin dalle prime pagine che questa perplessità era condivisa dallo stesso autore (cenni biografici: fiorentino, giornalista, scrittore di viaggio).

Nel libro si percorre in effetti la biografia di un intellettuale ed ecologista ante-litteram, forse il primo degli ecologisti, ovvero l´americano George Perkins Marsh, studioso dai molteplici interessi e a lungo ambasciatore statunitense in Italia, nelle pieghe del diciannovesimo secolo.
La seconda gradita sorpresa è stato vedere come viene trattata la sto…

LE ANTICIPAZIONI. MARTIN AMIS - L´ATTRITO DEL TEMPO

IL NARRATORE E IL PENSATORE
Il grande Martin Amis cura, oltre ai propri romanzi, anche una piuttosto nutrita produzione saggistica, perlopiù disponibile anche in italiano (vedi appendice di questo post).

Con mia grande eccitazione, è in via di pubblicazione da Einaudi (esce il 16 Aprile) L´attrito del tempo (traduzione letterale dell´originale The rub of time), ultima raccolta di non-fiction dell´autore inglese, del 2017.

Parlo di raccolta perché, come nelle abitudini di Amis, si tratta di materiale spurio già pubblicato su quotidiani e riviste e su argomenti differenti, si va dalla letteratura (con gli amati Nabokov e Bellow), alla politica (la visione di Amis su Trump), al costume (Lady Diana), al cinema (Travolta), allo Sport.
Ovviamente la natura non-inedita del materiale non ne inficia la qualità, conoscendo la (o fidandosi della) penna acuminata e le visioni profonde, spesso laterali, originali, a volte provocatorie, dello scrittore.

Il libro è peraltro di buone dimensioni, cir…

LIBRI E RECENSIONI. LE ULTIME LISTE, GLI ULTIMI PACCHI

LA RICCHEZZA DEI PACCHI

Intanto ammetto in partenza di questo "Pezzo" una mia difficoltá metodologica: per quanto alcuni dei miei contenuti diciamo da blogger o letterari siano veicolati anche tramite foto o addirittura altri media (vedi il video su YouTube, un po´grezzo ma spero efficace), difficilmente riesco a prescindere dalla forma scritta, che mi da una maggiore impressione di stabilità, come se rendesse "definitivi" (non in senso escatologico) i contenuti stessi.

Ecco quindi che raduno sotto forma di agile lista le mie ultime acquisizioni librarie, frutto di acquisti e in parte di gentili invii da editori o amici. Bene.

Wallace Stegner - Verso un sicuro approdo (Bompiani)
Perché: romanzo americano di relazioni e persone qualunque, recensione elogiativa di Piperno su La Lettura.

Arnon Grunberg - Terapie alternative per famiglie (Bompiani)
Perché: scrittore olandese di cinismo e umane miserie, mi aveva decisamente convinto con il precedente Il libero mercato dell…