Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

LE ANTICIPAZIONI. LA MESSE DI OTTOBRE

OTTOBRE È IL PIÙ LIBRESCO DEI MESI
Queste non sono propriamente anticipazioni a lunga scadenza ma una raccolta di libri secondo me molto interessanti usciti o in uscita ad Ottobre. Tra poco, ovviamente, passerò a occuparmi del 2019 dove ad esempio mi aspetto il nuovo McEwan, Overstory di Richard Powers e ormai - ahimè - il nuovo e finale capitolo della saga autofictionale di Karl-Ove Knausgard.

Jennifer Haigh - L´America sottosopra (Bollati Boringhieri)
Scrittrice che non conoscevo e che da noi non mi risulta ancora tradotta prima di quest´anno. Con questa storia dal sostrato ecologista, di capitalismo e passioni, con una comunità rural-industriale squassata dagli scavi (con la tecnica, nuovissima, del fracking) di una grande società alla ricerca di gas naturale, e con un afflato che mi pare "polifonico", la Haigh si è conquistata un paragone con tre Richard eccellenti: Ford, Russo e Price. Mi pare una buona premessa.

James Leo Herlihy - E il vento disperse la nebbia (Centaur…
Post recenti

LE ANTICIPAZIONI. LA CORNUCOPIA DI FINE 2018

LA LISTA PER LA FINE DELL´ANNO
Potevo dividerla in due, questa lista, ma ho immaginato fosse l´ultima del 2018, salvo altre uscite clamorose di cui adesso non so niente (possibile ma difficile), per cui ecco dodici libri tutti insieme, e io con la mente ragionevolmente sgombra per preparare il 2019 (cose che finora so: Lethem, Houellebecq, Cartarescu, Knausgard, immagino e spero Powers).
L´America di NN EditoreKent Haruf - Vincoli. Alle origini di Holt (NN Editore) Uscito da poco, nel Novembre 2018, è il primo romanzo di Haruf, e la prima apparizione di Holt nella sua narrativa. Questo si realizza con un´espediente tipico, la saga familiare, che attraversa circa un secolo di storia, raccontata da un testimone esterno e non necessariamente attendibile.  Conosciamo un po´l´universo rurale, in qualche modo duro ma attraversato da notevoli squarci di umanità (parlo dei personaggi, non dell´autore) di Haruf, credo che siamo in quei territori, ovviamente sono curioso di capire come "s…

LIBRI E RECENSIONI. MICHELE VACCARI - UN MARITO

UNA STORIA SEMPLICE
Un marito di Michele Vaccari, è credo uno dei romanzi italiani importanti di questa stagione. Conferma e supera la vena diciamo apocalittica ben sviluppata nel precedente Il mio nemico, qui sviluppata con maggiore coerenza e compattezza.

Di questo romanzo mi piace l´occuparsi di Genova, mi piace l´idea finalmente massimalista, apprezzo come essa si risolva e sostanzia in una scrittura barocca, mi piacciono la distopia educata, e il non essere un romanzo a parabola, anche se sarebbe potuto sembrarlo.

Abbiamo una coppia esemplare, Ferdinando e Patrizia, che gestisce una rosticceria (gastronomia, si direbbe oggi) a Marassi, i due bastano a se stessi, tra delizie del genovesato e ammiccamenti amorosi da coppia completamente collaudata e ritirata dal consesso sociale.
Il Deus ex Machina di questo romanzo è, come sappiamo, un attentato terroristico a Milano, in Piazza del Duomo (il Duomo, se ho ben capito, rimane intatto, e per fortuna), che cambia gli equilibri della co…

LIBRI E RECENSIONI. MARCO VISINONI - IL CASO LETTERARIO DELL´ANNO

LA TELA PICARESCA

Il caso letterario dell´anno di Marco Visinoni è intanto un libro molto divertente, che non si nega nulla, che non esita nel concedersi un ritmo scatenato, salti di logica, situazioni paradossali.

Si situa nel filone del romanzo underdog-picaresco, dove un protagonista programmaticamente confuso, perso, devastato, intraprende azioni contro la propria volontà, mosso da forze paradossali e altrettanto confuse, ma più potenti.
È un genere nel quale è specializzato il pure bolognese Gianluca Morozzi, e che tra derivazioni Bukowskiane e poetica della provincia-città riesce sempre a imporsi, pur senza (necessariamente) rinnovarsi.

Qui la variazione sul tema è costituita dal tema letterario richiamato dal titolo, ovvero dalle aspirazioni scrittorie del protagonista Leifur, naturalizzato bolognese ma figlio di islandesi, visitato da un suo io futuro e da quel punto catapultato in una serie di avventure surreali e scatenate, con un tocco di nostalgico.
La parte più azzeccata …

LIBRI E RECENSIONI. STEFANO CORBETTA - SONNO BIANCO

IL SILENZIO CHE DOMINA

Sonno bianco è la seconda prova di Stefano Corbetta, il cui esordio Le coccinelle non hanno paura era finito tra i miei libri italiani preferiti del 2017.

È un libro che conferma la grande sensibilità scrittoria di Corbetta, ne ribadisce alcuni temi portanti (ad esempio l ´irrompere della malattia) e fa dei passi in avanti in termini di compattezza della trama e gestione del ritmo e dei personaggi.

La storia ruota attorno a un trauma, propriamente detto e anche psicologico, lo stato vegetativo in cui, dopo un´incidente, cade Bianca, una di due gemelle (l´altra è Emma) e che turba gli equilibri della loro famiglia, rendendola fondamentalmente un insieme di incomunicabilità, dominato da rimorsi, dal silenzio di Bianca, da ostilità, e dalla sensazione di Emma di essere l´indesiderata, di essere lei quella che, eventualmente, doveva finire in quello stato.

Corbetta, forse anche per deformazione professionale, è scrittore molto visivo e rispetto alla prima prova qui …

MICHELA MURGIA - ISTRUZIONI PER DIVENTARE FASCISTI

DOVE NON STA LA VERITÀ 
Confesso. Ho comprato e letto questo Istruzioni per diventare fascisti di Michela Murgia come effetto di una negatività e di un contrasto, e non come espressione di una preferenza.

In molte scelte e volute della propria vita letteraria e immagine pubblica la Murgia ha avuto e ha la capacità di irritarmi (vedi le sue stroncature televisive) e in effetti avevo avvertito questo libro come un´operazione-instant anti-salviniana (cosa che in effetti in parte è) tesa o impegnata a fare di tutta l´erba un fascio, espressione che - se ci pensate - sta molto bene in questo contesto.

Si tratta in realtà di una sorta di "atti del convegno", ovvero una derivazione letteraria di una serie di fortunate conferenze che la Murgia ha tenuto in giro per l´Italia (o forse sarebbe il caso di parlare di monologhi di stampo teatrale? Ma lei non fa l´attrice quindi va bene conferenze). Rispetto ai materiali che avevo visto (video, slide) il libro mi è apparso a prima vista p…

LIBRI E RECENSIONI. LA LISTA DEGLI ITALIANI DA RISCOPRIRE

UN´UMILE RICOGNIZIONE
Ecco una delle mie "famose" liste, che riguarda qui una serie di scrittori italiani da riscoprire, ottenuti tramite uno dei miei altrettanto "famosi" post collettivi, o meglio, post con i quali chiedo al collettivo dei miei bellissimi, coltissimi e disponibilissimi follower di esprimersi.
Per motivi di spazio non ho potuto tener conto di tutte le segnalazioni, inoltre ho sfoltito un po´, a malincuore, tutti quelli che si trovano solo in edizioni vintage di solito costose e soprattutto dalle condizioni non chiare.

Leonardo Sciascia - La scomparsa di Majorana (Adelphi)
Ovviamente parlare di "riscoperta" per Sciascia pare azzardato, ma volevo gratificare la segnalazione dell´amico Francesco Speranza.

Massimo Bontempelli  - La vita intensa (Isbn)  / Opere scelte (Meridiani Mondadori)
Ecco uno da riscoprire, con un minimo di scelta vista la presenza in commercio del Meridiano. La vita intensa comunque portava come sottotitolo "romanzo…