Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

LE ANTICIPAZIONI. KARL-OVE KNAUSGARD - FINE

LA FINE, FINALMENTE
Non so come siano andate le vendite, ma la saga autobiografica in sei volumi di Karl-Ove Knausgard ha creato una comunità di appassionati tanto attenti, tenaci, legati all´opera e al suo autore (spesso indistinguibili) da aver prodotto una serie di richieste e lamentale indirizzate a me e a questo Blog riguardo all´uscita del sesto e conclusivo libro della serie, programmato da Feltrinelli prima per il 2018, poi per il 2019, quindi ritenuto (da alcuni) disperso.

In effetti il libro in lingua originale risale al 2011, ma sappiamo che Feltrinelli ha comprato i diritti per l´Italia, originariamente presso Ponte alle Grazie, nel 2014 e affidato la traduzione alla bravissima Margherita Podestà Heir, cercando da una parte di fare un´operazione di qualità, dall´altra di scandire in maniera ragionevole l´uscita dei vari volumi, che sono di grosse dimensioni. Da una parte il lettore non viene soffocato, dall´altro il libro ha un po´di respiro commerciale.

Il caso dell´ulti…
Post recenti

LIBRI E RECENSIONI. LUCA RICCI - TRASCURATE MILANO

BORGHESI E TURBAMENTI

Di Luca Ricci avevo letto molto tempo fa La persecuzione del rigorista, una novella ricercata quando ai miei occhi fredda e ancora acerba, e che non mi aveva fatto voglia di leggere altro nonostante gli abbastanza generali apprezzamenti per l´opera dello scrittore, soprattutto nel racconto.

Su insistenza di un´ amica ho iniziato con un minimo di scetticismo questo breve Trascurate Milano che si rivela invece un racconto molto convincente e addirittura conturbante.

L´inizio, abbastanza farcito di luoghi comuni sulla città lombarda mi stava confermando e facendo temere il peggio, in realtà poi quel tipo cliché fa mi pare pienamente e volutamente parte della "tonale" del racconto dove a un rapporto tra amanti piuttosto borghese e quindi pienamente ascrivibile a una logica da salotto tipicamente milanese (insieme alle proverbiali frette, alla pulsione consumistica, alla metro dove tutti si ignorano) si contrappone il turbamento del protagonista maschile pe…

LE ANTICIPAZIONI PER IL 2020. AMERICANI, UN INGLESE E LA LUISELLI.

SENZA LIMITI

Proseguo con le anticipazioni per il 2020 con un po´di americana e due bonus-track: uno scrittore inglese e una sorpresa (almeno per me) dal reparto che ho convenzionalmente chiamato "Grandi nomi".

Parto con Liquami (in originale Night Soil) di Dale Peck, in uscita ad Aprile per i valorosi ragazzi di D Editore.
Peck in patria è piuttosto famoso come critico letterario/polemista, noto per alcune sue opinioni estreme; ha scritto narrativa, libri per bambini e saggistica e da noi è già stato pubblicato, ma senza troppa fortuna.
Ho motivi per pensare che l´editore punterà su questo libro e lo farà circolare cercando di cambiare i destini del suo autore in Italia. Si tratta di una storia forte, di formazione e familiare, incentrata attorno alla figura del "ragazzo" Judas Stammer, letteralmente marchiato da una voglia porpora che gli occupa metà del viso e metaforicamente segnato da una famiglia ingombrante, nel passato e nel presente. Un ragazzo isolato a …

LE ANTICIPAZIONI: TRE ITALIANI PER IL 2020. GENOVESI: FONTANA. PATRIARCA

BUONE PENNE NOSTRANE

Dopo la prima tornata di Libri in uscita nel 2020, dedicata essenzialmente ad autori esteri, ecco alcune novità italiane vicine nel tempo, non molte ma di valore, il tutto attendendo di poter parlare di libri come quelli di Demetrio Paolin, Stefano Corbetta, Roberto Camurri a cui tengo molto, ma che vedremo più avanti nell´anno.

Inizio con il ritorno di Fabio Genovesi, di cui Mondadori pubblicherà a breve Cadrò, sognando di volare (il titolo ha già suggestioni rock con Falling and Flying di Jeff Bridges o Learning to fly di Tom Petty).
Ho adorato il primo Genovesi da Versilia Rock City a Esche vive, dove mi sembrava che lo scrittore seguisse con successo e proprio apporto di personalità le orme di un grande affabulatore della provincia e della "formazione" come Niccolò Ammaniti.
Anche Chi manda le onde si leggeva con grande piacere, pur facendo secondo me qualche concessione al "gusto generale" (ammesso che ce ne sia uno), da lì non avevo segu…

LE ANTICIPAZIONI PER IL 2020. GRANDI NOMI E AMERICANA

SPRINT INIZIALE

Eccoci (finalmente?) arrivati alla prima tornata delle mie anticipazioni editoriali per il 2020. Come chi mi segue forse sa, uso un metodo un po´diverso da quello di altri siti o di supplementi letterari, che passano in rassegna tutto l´anno,  concentrandosi soprattutto sui grandi nomi o i potenziali best-seller.
Personalmente e come da politica editoriale del blog, preferisco le nicchie e anche per motivi di credibilità indico volta per volta uscite abbastanza vicine nel tempo, questo perché capita che gli editori cambino i loro piani e posticipino di un anno o più libri annunciati inizialmente per quello in corso. E credo non sia piacevole per chi legge e si "prepara".

Oggi parto con una decina (poco meno) di libri, alcuni Grandi Nomi (alla Recensireilmondo) e un po´di Americana. Tra le due categorie abbiamo ovviamente qualche sovrapposizione.

Grandi Nomi

Nel novero dei libri rimandati, addirittura di due anni in questo caso, abbiamo Fine, l´epilogo della s…

LIBRI E RECENSIONI. DENIS JOHNSON - LA GENEROSITÁ DELLA SIRENA

UN MAESTRO DEL RACCONTO

Come nel 2018 con il prodigioso Jesus´son anche nel 2019 appena passato ho "chiuso" le mie letture con una raccolta di racconti del grandissimo Denis Johnson, in questo caso l´ultima, uscita postuma, La generosità della sirena.

Premetto che anche qui viaggiamo  a livelli altissimi, e mi sento di eleggere Johnson, se ce ne fosse bisogno, a maestro della short-story per visione, lateralizzazioni, scrittura incisiva, invenzioni, dialogo, capacità di scarto della banalità.

Se in Jesus´son ci trovavamo davanti alla parte diciamo lancinante dell´esistenza di Johnson, e i protagonisti erano soprattutto drogati, alcolizzati, outlaw, esseri umani sul punto di perdere tutto,qui insieme a due racconti su quell´abbrivio (peraltro molto belli), ne leggiamo tre di ambientazione diciamo medio-borghese, probabilmente derivanti dall´esperienza di un Johnson ormai disintossicato e re-integrato nella società, di questi tre Trionfo sulla morte, una bellissima riflession…

LIBRI E RECENSIONI. VALERIA LUISELLI - ARCHIVIO DEI BAMBINI PERDUTI

ON THE ROAD
Archivio dei bambini perduti della scrittrice messicana (residente a New York, scrive in inglese) Valeria Luiselli è stato un libro del 2019 che ha goduto di ottima critica e di buon consenso del pubblico e dopo la lettura devo dire che merita entrambe le cose.

Mostra infatti una scrittrice cresciutissima rispetto al pur buono Volti nella folla (suo esordio, lo prendo come riferimento in quanto da me letto) e che riprende in maniera questa volta narrativa le urgenti tematiche sociali del saggio Dimmi come va a finire, ovvero il dramma dei bambini messicani "spediti" da soli a cercare di superare la frontiera in parte murata con gli Stati Uniti.
Ma non si tratta solo di questo. In realtà la Luiselli costruisce per tre/quarti di romanzo una narrazione dinamica e coinvolgente tra on the road, storia di famiglie moderne, riflessioni sull´atto di narrare o sulla natura del mestiere (e della vocazione) di cronista.
Se Dimmi come va a finire era un vero e proprio saggio…