LIBRI E RECENSIONI. YEHOSHUA KENAZ - RIPRISTINANDO ANTICHI AMORI

AL SEMAFORO DEI DESTINI


Recensireilmondo




Qualche tempo fa avevo scritto questo pezzo sulla letteratura israeliana, cercando di spaziare tra scrittori israeliani che andassero un po´oltre la ben nota triade Yehoshua-Oz-Grossman.
Da quel momento ne ho letto alcuni e - oh - per ora non sono deluso, affatto.

Kenaz - classe 1937 - é portato in Italia dal lavoro davvero meritorio di Giuntina, come altri scrittori israeliani moderni (vedi anche Kaniuk di cui ho parlato recentemente).

É noto soprattutto per "Non temere e non sperare", un classico, una sorta di Comma22 kosher, io ho iniziato da questo, attratto da titolo e storia.
Ci ho trovato uno scrittore che se é inferiore a quelli della triade, lo è davvero di pochissimo.

Ripristinando antichi amori "lavora" su un intreccio di storie, il metodo che PT Anderson aveva usato in Magnolia. Storie che iniziano in maniera indipendente e poi si intrecciano tra di loro, ma senza che lo scrittore "se la senta" di sciogliere proprio TUTTI i nodi, elemento che rischia magari di lasciare l´amaro in bocca a qualcuno, ma che io ho apprezzato perché Kenaz sembra proprio parlarci della vita - e nella vita mica tutti i nodi vengono sciolti, giusto?

Mi pare che si possano usare 3 parole per descrivere la "cifra" di Kenaz: Realismo, Simbolismo Allusivo, Pacata Sobrietà.
Il realismo delle descrizioni, dell´approfondimento di vite comuni in questa Tel Aviv o torrida o spazzata dalla pioggia ma anche la sensazione che dietro ci sia qualcosa di più: la riflessione sul destino e i suoi capricci, il libero arbitrio, la possibilità di non scegliere, non decidere ma semplicemente farsi vivere. E ancora l´integralismo di tutti i tipi (religioso, amoroso), le crisi personali, il tutto con una penna capace e lieve, che lavora per sottrazione e poi regala lampi di notevole visionarietà (vedi la scena o le scene della costruzione dell´appartamento abusivo).

In poche parole, un grande romanzo e uno scrittore che consiglio a tutti gli appassionati della letteratura di questo paese.

Commenti