LIBRI E RECENSIONI. PATRICK MODIANO - VIA DELLE BOTTEGHE OSCURE

SEMPRE LEI, LA MEMORIA


Con un po´di impertinenza davanti a un nuovo/vecchio (é del 1978, e vinse il premio Goncourt) Modiano si potrebbe dire "la solita solfa".
É però una solfa di alto livello, c´é da riconoscere.

Il tema anche qui - che sorpresa - é la memoria, in senso ancora più letterale che in altri romanzi dell´autore. Il protagonista é vittima di un´amnesia, e indaga su se stesso vagando per Parigi, raccogliendo documenti, interrogando testimoni.

La ricerca del proprio passato é tanto più traumatica e dolorosa, quanto più il passato stesso non ha fatto prigionieri, cancellando insieme alla memoria i parenti, gli amici, le amanti.

Tutto qui? Niente di più, niente di meno. Portato avanti da Modiano con gran classe e - seppur buono - ancora inferiore a quello che ritengo il suo capolavoro, ovvero Dora Bruder. In ogni modo, da leggere specie se si é fan dell´autore. Oppure - essendo meno dispersivo di altre opere di Modiano  - per iniziare.

Commenti