SPORTELLO EMERGENTI: DEBORA MARIA MONDELLA - QUARANTA RUGGENTI

FILE UNDER: SEGNALI DI VITA

 

AUTORE:

DEBORA MARIA MONDELLA

 

TITOLO:

QUARANTA RUGGENTI

 

CASA EDITRICE:

EDIZIONI ArcheoAres

 

LINK PER APPROFONDIRE (MICASOTUTTOIO):

Quaranta Ruggenti



Due cose mi sto predisponendo a fare iniziando questa recensione

a. keep it simple
b. non parlare di me

Per questo riassumerò in poche parole la storia di come ci si sia arrivati, a questa lettura e recensione. Diciamo che per una serie di circostanze sia io che l´autrice eravamo convinti che non fosse il caso.

Una di queste circostanze é Baricco, ma questa é un´altra storia, come si suol dire.

Ok, keep it simple.

Mi é piaciuto e ci ho trovato del valore. Ed é stato per me sorprendente perché si tratta - dal punto di vista delle dimensioni -  di un racconto lungo ma allo stesso tempo Quaranta Ruggenti non é una vera e propria narrazione, bensì piuttosto un insieme di riflessioni che accumulandosi costruiscono il quadro di una (giovane) vita.
Il rischio con questo tipo di opera é che ci si trovi davanti a una sfilza di sagge, pseudo-anticonformiste, insopportabili e sentenziose frasi fatte.
Altro rischio: che tutto rimanga molto personale, che insomma il lettore si trovi di fronte a una sorta di diario tutto autoreferenziale e non scatti quella cosa fantastica chiamata identificazione.

I due rischi vengono quasi sempre scongiurati.

E gli elementi che in questo senso giocano a favore sono banalissimi: un´ ottima dose di verità e densità, e una grande vitalità, che non sarebbero però sufficienti se non ci fosse di base del talento.
Insomma c´é una urgenza nel raccontarsi e raccontare, e non manca la capacità di sbozzare le frasi e accompagnarle una all´altra creando un  fluire unitario e appunto evitando nella maggior parte dei casi i rischi di cui sopra.

Insisto sull´elemento vitalità perché il personaggio che dice io (che identificherei con l´autrice) sembra avere una vera e propria sete di vita, di scoperta, e di comprensione e di conoscenza ed esposizione di se stessa - questo é decisivo nel coinvolgere il lettore (anche quello che come me si era avvicinato con qualche scetticismo) e non lasciare quindi che il tutto rimanga una personalissima faccenda di chi scrive.

La cosa che mi sento di dire in prospettiva futura é: brava Debora, e ora raccontaci una storia. Nel senso che piacerebbe vedere applicate queste qualità a un racconto o romanzo con personaggi e intreccio e dialogo. Vedremo se questo sia nei programmi dell´autrice - perché é una sfida e (a mio modo di vedere) sarebbe un upgrade e quindi un percorso di crescita.

Nell´attesa, il giudizio su questo "Quaranta ruggenti" é come detto positivo - un altro giorno parleremo di Baricco, forse...

ps: a Gennaio 2014, il libro ha raggiunto la seconda edizione, not that bad





Commenti