LE ANTICIPAZIONI. LIBRI PER IL 2013. LANCHESTER. KRACHT E ALTRI.

GLI AVVEDUTI

Ora, piccola premessa. Il mercato editoriale sta vedendo la nascita o rinascita o riproposta di molti generi o sottogeneri di stampo popolare. 
Il genere-Horror, il genere-Fantasy, il genere-Vampiri che é poi un sottogenere dei due citati prima.

Non li leggo, ma cosa buona secondo me. Se attraverso questi romanzi persone che altrimenti sarebbero rimaste lontane dal libro hanno o hanno avuto o avranno la possibilità e la voglia di avvicinarvisi, tanto di guadagnato. Secondo me tra leggere e non leggere c´é un abisso addirittura più grande di quello che ci può essere tra il leggere solo "genere Vampiri" e avvicinarsi a qualcosa di più complesso, a quello che insomma chiamo "romanzo romanzo"

Per cui il titolo "per lettori avveduti" non va (o non andrebbe) letto in maniera snobistica o dispregiativa, é volutamente un po' provocatorio (oh, a noi Blogger si insegna che il titolo deve essere breve e pregante). Va da sé che poi parlo di cose che attraggono me (o lettori come me) e quindi certi generi restano fuori - ma ad es. non tutti quelli popolari perché il famoso giallo svedese é intrattenimento e lo leggo eccome

MA INIZIAMO CON I ROMANZI

Da quando Coe J. si é un tantino "rimbesuito" vado alla ricerca di autori inglesi che mi diano simili emozioni, in un mix di attualità, satira e sentimento.

Per gli orfani di Jonathan Coe avevo giá QUI parlato di Paul Torday. Un altro autore che mi incuriosisce molto - già edito in Italia anche se credo ignorato dai più - é John Lanchester di cui Mondadori fará uscire ad Aprile "Pepys Road". Il titolo inglese - secondo me molto più rispondente ai contenuti - é "Capital". L´autore era finora stato edito da Longanesi e Guanda e il fatto che si sia mosso il gigante di Segrate é significativo.
E il romanzo sembra quantomai ambizioso: crisi finanziaria, Londra, differenza tra classi, ineguaglianze sociali,   il tutto visto attraverso le vicende degli abitanti della "Pepys Road", sopra citata. Promette bene, gli inglesi sono bravi nel romanzo satirico-sociale. Peraltro su Internet legato al libro c´é anche un simpatico giochino "viral" (o desideroso di essere tale) con 10 domande sul nostro futuro. Il link cercatevelo da soli però :-)

Spostiamoci a Nord con lo scrittore svedese Ulf P. Hallberg che uscirà a Febbraio (per Iperborea) con Trash Europeo - il classico libro che io comprerei anche solo per il titolo. L´autore aveva scritto ai tempi un reportage su Italia ´90. Non é un romanziere tradizionale ma le sue storie oscillano tra osservazione da flaneur, narrativa e saggio.

Il sottotitolo di questo romanzo é "...16 modi di ricordare un padre" e in effetti l´autore ne delinea la storia attraverso gli oggetti che gli sono appartenuti, che a loro volta richiamano valori e significati che possono essere rappresentati come "trash europeo". Lo spunto mi parte interessante e Perecchiano (non so se poi lo svolgimento lo sarà) per cui l´interesse (mio) é elevato.

Christian Kracht é un altro scrittore controcorrente, lui é svizzero e piuttosto conosciuto in Germania - anche per le sue opinioni spesso giudicate scomode e che hanno portato i Moralistoni dello Spiegel a stroncare (secondo i critici per non averlo capito) il romanzo di cui sto per parlare e a parlare (in senso negativo, accusandolo di malcelato razzismo) dello scrittore come del Celine della sua generazione. Il resto della critica tedesca lo ha invece accolto molto bene. Conoscendo lo Spiegel, tenderei a dare ragione agli altri.
Si chiama Imperium e la trama promette bene come originalità - specie se si pensa che é ispirata a una vicenda vera.
Vediamo come lo presenta Neri Pozza sul suo Sito - e incuriosiamoci

Per August Engelhardt il cocco è un «frutto divino», un nutrimento perfetto se non addirittura spirituale. Nudista vegano di Norimberga agli inizi del Novecento, Engelhardt coltiva il sogno utopico di una colonia oltreoceano, una terra nel Sud Pacifico fondata esclusivamente sul consumo di cocco. 
È il tempo dell’Impero tedesco, del sogno coloniale della Germania. Nella Nuova Guinea si riversano mercanti e latifondisti provenienti da ogni parte del paese, oltre a viaggiatori e sognatori in fuga dalla nazione gretta e materialista governata da Guglielmo II.
Per realizzare il suo sogno, August Engelhardt si imbarca anche lui su una nave a vapore diretta nella Nuova Guinea.


Last but not least (o forse sì): da Nuova Frontiera dovrebbe essere in uscita imminente 35 Morti dello scrittore colombiano Sergio Alvarez. Il libro combina thriller e romanzo e si applica su un tema più da cronaca che da romanzo - almeno alle nostre latitudini - la storia del narcotraffico in Colombia durante 35 anni (1965-2000) intrecciata chiaramente alla storia della nazione.
A leggere in giro un po' di critiche sembrerebbe come un Garcia Marquez meets Ellroy per cui anche qui mi sono parecchio incuriosito.

Volevo ancora parlare di un´ultima cosa, un libro intitolato Ogni Storia d´amore é una storia di fantasmi ma lo farò un´altra volta in quanto non é propriamente un romanzo...e poi voglio prepararmi bene

Stay tuned (if you can)

Commenti