Passa ai contenuti principali

LIBRI E RECENSIONI. DOUGLAS ANTHONY COOPER - AMNESIA

L´INCUBO DELLA MEMORIA

Amnesia - Douglas Anthony Cooper,Sara Inga - ebook


Amnesia del canadese Douglas Anthony Cooper era stato all´uscita, nel 1992, un caso editoriale e un best-seller nei mercati anglofoni. Da noi era stato pubblicato senza grande riscontro da Fanucci e viene ora riproposto da un editore piccolo, dinamico e coraggioso come D (sic), corredato da una prefazione fin troppo iperbolica di Gian Paolo Serino e una più moderata e utile postfazione di Valerio Valentini.

Si tratta di un romanzo singolare e fascinoso, proprio come si dice in postfazione una possibile versione scritta di una storia alla David Lynch o anche un Augie March virato thriller psicologico-onirico (di fatto uno degli elementi dell´opera è il romanzo di formazione, di sottogenere ebreo).

Lo spunto è tutto sommato semplice: a poche ore dal proprio matrimonio, un anonimo archivista viene visitato da un certo Izzy Darlow che, di fatto, comincia a raccontargli la storia, ben poco lineare, della sua vita.
Da qui inizia il romanzo-puzzle: al lettore il compito di mettere assieme i diversi pezzi, scartare il grano dal loglio nella narrazione spesso elusiva, ambigua, di Izzy, trovare infine la chiave che apre lo scrigno della possibile verità.

Riflessione su identità e memoria e sull´atto stesso del narrare, ma anche sul tema molto ebreo di colpa e libero arbitrio,  romanzo-cittá (co-protagonista è una Toronto scura, sinistra, valorizzata nelle sue architetture e mappe, molto diversa dal luogo ameno restituitoci dalle foto di Google Images o dalle guide turistiche), e ancora educazione sentimentale e riflessione sugli incanti dell´infanzia e il passaggio all´adolescenza, come si capirà  un libro che ne contiene altri possibili, che parte lento ma poi cresce e fa registrare una mano autoriale forte nel dominare la struttura di un racconto complicato, che poteva sfuggire di mano, e una lingua immaginifica pur nell´adesione a un sostanziale realismo di fondo (non si cade o scade, insomma, in territori che ora chiameremmo new-weird).

L´autore era ai tempi esordiente, ad appena trentadue anni, si capisce quindi la hype per un esordio del genere, che era stato poi seguito qualche anno dopo da Delirium, dove torna il personaggio di Izzy Darlow, e che D Editore farà uscire prossimamente (così come l´ultimo lavoro di Cooper, Aphasia).

Non si tratta forse del libro postmoderno che spazzerà via Pynchon e altri, come troppo entusiasticamente afferma Serino in prefazione, e d´altra parte mi pare testo che con Pynchon e forse anche col postmoderno c´entra davvero poco (direi che ha maggiore parentela con King o con i classici del brivido e dell´horror psicologico, come Poe, come Lovecraft), ma sicuramente una lettura notevole, e divertente in senso estensivo, che meritava di essere riproposta al pubblico italiano. Con buone aspettative per i seguiti.

---------------------------------------------------
Informazioni sul libro

Douglas Anthony Cooper  - Amnesia
Traduzione di Sara Inga
Ed. D 2018
338 pg.
Attualmente in commercio

-----------------------------------------------------