LE ANTICIPAZIONI. DAVID PEACE - RED RIDING QUARTET

APOLOGIA DELLA TENSIONE


Libro Red riding quartet David Peace



Una volta esisteva la rivista Pulp e uno dei generi che venivano maggiormente portati era il noir-thriller, e accanto a Ellroy (che allora non era noto come oggi) uno scrittore che veniva ampiamente promosso era l´inglese David Peace.

Autore quanto mai versatile (passa dal thriller, appunto, al calcistico, fino alla specializzazione giapponese), Peace ha messo al mondo il cosiddetto Red-riding quartet un ciclo di quattro romanzi ispirato alle imprese (assassine) del cosiddetto "squartatore dello Yorkshire", un criminale attivo nella regione britannica da metà degli anni ´70.

Se questa introduzione vi suona già sinistra, è perché non avete letto i relativi libri del ciclo (1974, 1977, 1980, 1983). In realtà l´ispirazione di Peace è libera, e solo episodicamente si attiene ai fatti di cronaca, aspirando più probabilmente a mettere mano a un grande affresco dell´Inghilterra di quegli anni, tra tensioni sociali, abusi di alcol, crisi economica e - tema importante, in comune con Ellroy - corruzione della polizia.

La scrittura di Peace è claustrofobica, martellante, malata, addirittura più estrema e asfissiante della modalità anaforica, ripetitiva e scandita tipica di Ellroy.
Peace descrive un mondo completamente privo di moralità, dove la ricerca della redenzione è assegnata all´outsider di turno (normalmente rovinato), per esempio il giornalista Dunford nel primo romanzo.
Se la tensione che viene creata è a tratti insostenibile, il metodo di Peace prevede - almeno nei primi due volumi - finali aperti e dalle parti del metafisico, cosa che può spiazzare chi vada alla semplice ricerca del colpevole.

Tutto questo per segnalare che Il Saggiatore ha rotto gli indugi e con abile operazione ha portato in libreria un tomo di circa 1.400 pagine che comprende tutti i romanzi della serie, che sembra anche un bell´oggetto da avere in libreria.

Posto che per me il migliore Peace e quello che parla di football in "Il maledetto United", é un´occasione non da poco per gli amanti del genere e per coloro che in generale amano dormire con la luce accesa per eccesso di terrore.

Commenti