LIBRI E RECENSIONI. DAVID PEACE - FANTASMA

QUANDO IL FANTASMA È IL LIBRO

Fantasma


Con tutta la stima possibile per David Peace e per Il Saggiatore, questo Fantasma sa di operazione commerciale, si tratta infatti di una raccolta di quattro racconti scritti in momenti diversi piú una sorta di saggio finale dell´autore, incentrati sulla pur fascinosa figura del grande scrittore giapponese Ryūnosuke Akutagawa (cito almeno il celeberrimo Rashōmon), in diversi modi e forme citato e "Pedinato" nelle sue ossessioni e tragedie personali, che non sto ad anticipare per chi volesse leggere il libro prima di essersi informato prima sulle sorti e le tragiche vicende dello scrittore.

Non che manchino la qualitá della scrittura e una certa visionarietá (che peraltro fa leva sulla stessa poetica di Akutagawa, scrittore di frammenti, sensazioni, incubi e visioni piú che di trame) ma stride forte la provenienza disomogenea dei racconti, che mi pare non leghino insieme e non vadano insomma a costruire un´opera, neanche nella brevissima misura di questa novantina di pagine stampate peraltro con corpo grandicello.
Il fatto che il tutto sia stato messo in vendita a 17€ aggiunge un po´di benzina al fuoco del sospetto, alimentato dal fatto che il tutto é uscito in volume unico solo in Italia,

Per ultimo si viene a sapere che i racconti sono tratti di un volume in lavorazione di Peace. Ecco, fossi in lui ci penserei bene.

----------------------------------------------------
Informazioni sul libro
David Peace - FantasmaEd. Il Saggiatore 2016
Traduzione di Matteo Battarra
101 Pg.
Attualmente in commercio 
----------------------------------------------------

PS: non male invece la copertina, che sembra uno di quei confetti tipici di Pistoia, fatto però a forma di doppia testa d´uomo 

Commenti