LE ANTICIPAZIONI PER IL 2016. GLI ITALIANI. FRASCELLA. DI PAOLO. FAGIOLI

PERCORSI LOCALI


Recensireilmondo




É tempo di Italia nelle anticipazioni, anche qui pochi Volo, Moccia o Brizzi (sempre con rispetto parlando) ma segnalazioni più "a latere", anche se non necessariamente di nicchia.

Inizio con un ex-Giovin Scrittore che ha convinto con alcuni suoi libri: Christian Frascella ha iniziato con Mia sorella é una foca monaca un percorso di scavo (non privo di umorismo e leggerezza) nel disagio giovanile (in senso molto allargato), poi sviluppato con La sfuriata di Bet e Il panico quotidiano (dove il disagio diventava esistenziale e molto concreto).
Gli editori si fanno di volta in volta più Major: Fazi, Einaudi e ora uscirà - a Maggio 2016 - Brucio per la Major per eccellenza, Mondadori.
Frascella é scrittore abbastanza versatile (si é anche dedicato a opere per ragazzi) e ora passa decisamente al Thriller, ma non abbandonando l´appiglio al mondo giovanile: é infatti la sordida vicenda di un dicassettenne implicato in una storia di droga, violenza e soldi.

Passo a un altro scrittore-critico a volte un po´controverso, ovvero Paolo di Paolo. Mandami tanta vita, suo romanzo del 2013, entrò in cinquina per il Premio Strega, ma ha un po´diviso il pubblico, alcuni lo hanno giudicato incantevole e ben scritto, altri troppo letterario e molto mid-cult (un po´ come l´ultimo Missiroli, insomma).
Non mi sarei interessato del Di Paolo scrittore se non mi attraesse il titolo del suo prossimo lavoro, in uscita a Maggio da Feltrinelli.
Storia quasi solo d´amore, come non essere romanticamente curiosi? Anche questa storia sembra serenamente mid-cult, una sorta di De Carlo attualizzato, Nino - aspirante attore - che torna da Londra con una valigia di sogni lasciati dietro le spalle, Adele e la sua fede quasi "fuori moda", e un´amore - quello del titolo - che sembra voler nascere tra i due. Le suggestioni non mancano, il resto lo deciderà la scrittura.

Se dico Francesco Fagioli probabilmente vi spiazzo come sono rimasto spiazzato io spulciando tra i libri in uscita.
Eppure questo scrittore nel 2007 con l´esordio "Un certo senso" si conquisto l´appoggio del collettivo Wu Ming e paragoni davvero eccellenti - Kafka, Malerba, Buzzati. Era stato pubblicato da Marsilio, che lo candido al Premio Strega.
Da quel momento silenzio, ma ora Fagioli tornerà in libreria con Questi tempi fuori dal tempo, per Baldini e Castoldi, a Febbraio.
La storia - come già nel suo primo romanzo - é molto particolare, si narrano in parallelo le vicende di tre coppie e di un evento deus ex machina (un rapimento) che provoca un´insipegabile riavvolgersi del tempo su se stesso (un po´come ne La freccia del tempo di Amis).
Son quelle cose che mi incuriosiscono e - vi preannuncio - anche la copertina sarà amabilmente vintage/retro.

Per il momento "tutto qui", la seconda puntata tra qualche giorno con altri tre libri interessanti. Stay Tuned.



Commenti