LIBRI E RECENSIONI. MASSIMO PADUA - A UN PASSO DALLA LUNA PIENA

AD ALTEZZA BAMBINO



Mi capita ogni tanto per le mani un romanzo delle edizioni Fernandel, che mi pare (ne ho già parlato) persegua una sua strada di valorizzazione delle storie di provincia.

Anche questo A un passo dalla luna piena di Massimo Padua non fa eccezione; é se vogliamo una storia qualunque, narrata ad altezza bambino, il piccolo ed empatico Simone che vede la relazione tra i genitori sfaldarsi, la madre cercare una nuova vita che gli appare ostile e contraddittoria.

Padua é bravo a creare momenti di tensione, e utilizza in maniera capace la natura (la luna del titolo) e tutta una serie di sensazioni (il freddo, il caldo, le luci, la velocità di un auto) per sottolineare insicurezze e paure dei personaggi.

Nell´ambito di una storia che scorre bene e rimane coerente nel suo svolgimento, ho notato comunque un po´di squilibrio tra la prima parte molto analitica - quasi lenta - e la pur azzeccata accelerazione finale, inoltre qualche momento é un po´stereotipato.

Detto questo, una piccola e sentita storia con qualche momento commovente, che consiglierei come lettura (estiva e non) ad esempio a un pubblico adolescente o giovane - e vuol essere un complimento alla capacità di condurre una narrazione limpida e libera da intelletualismi e ricercatezze.

Commenti