JO NESBO - LOCALIZZARE IL MOMENTO DEL GIALLO SCANDINAVO

TRA ANTICIPAZIONE E RIFLESSIONE


Giallo Scandinavo



Tra il nuovo Sangue e Neve (di cui ho già parlato, e che inaugura una nuova "serie" di 3 puntate con un nuovo protagonista, qui i dettagli) e il completamento della serie di Harry Hole con il secondo ancora inedito in Italia (ci arrivo tra un po´) Nesbo sta invadendo le librerie.

Posto che mi pare che lo scrittore norvegese mantenga sempre una certa qualità, chiaramente anche i filoni più produttivi si esauriscono, perdono forza e questo mi pare stia accadendo con il mitico giallo scandinavo.
Perché alla fine per quanto talentuosi e ingegnosi siano gli scrittori, per quanto il genere abbia una grande tradizione con i sommi Sjöwall/Wahlöö, per quanto i paesaggi sconfinati e l´apparente idillio di quelle terre siano fonte di ispirazione per il contrasto con una realtà più cruda o inaspettata, le storie possibili non sono infinite e la serializzazione (con l´infittirsi delle uscite) paradossalmente ha
l´effetto di accelerare il processo di esaurimento del fenomeno.

Saggiamente Henning Mankell aveva fatto cessare per tempo le avventure del suo Wallander, Leif G.Persson ha fatto lo stesso con Martin Johansson concentrandosi invece su "quella disgrazia di Backstrom", quindi virando in chiave ironica, Stieg Larsson ahimè non ha potuto continuare la sua serie Millennium, che verrà proseguita (e ho groooooossi dubbi) dal biografo di Ibrahimovic. Onesti scrittori come Arne Dahl hanno perso ben presto la verve, e a mio modo di vedere altri come la Läckberg o la Marklund di smalto ne avevano già poco di loro.

Cosa voglio dire con questa lunga premessa? Ma no, niente di particolare. Può essere insomma che al di là di Adler Olsen e dello stesso Nesbo, su queste pagine prossimamente si parli MOLTO MENO di giallo svedese, anche se poi magari nascerà qualche nuovo fenomeno oppure l´Ellroyano Jens Lapidus si inventerà qualcosa.

Detto questo, dopo Il pipistrello Einaudi farà uscire a Giugno Scarafaggi che é in ordine cronologico il secondo della serie di Harry Hole, che quindi sarà disponibile "in toto" al lettore italiano.
Avvertenza: secondo chi li ha letti non é un caso che per molto tempo i due Hole iniziali non siano mai stati tradotti (in italiano e nelle altre lingue principali) in quanto pare essere un Nesbo ancora acerbo. Staremo a vedere.

Commenti