THE SUNDAY CONVERSATION. TRA SEGNALAZIONI E INDIETRACKS

LA RUBRICA PIGRA E SANAMENTE CONFUSIONARIA

su Recensireilmondo

Colonna sonora Pop: i Flaming Lips

Colonna sonora Classica: Brahms - Sinfonia nr.1



Vi segnalo, una recensione sul Corriere Lettura, dedicato a Riparare i vivi della francese Maylis de Kerangal.
Viene definito un romanzo eccezionale, e i passi riportati narrano di una scrittura lirica e pungente, precisa.
Si tratta di un trapianto di cuore, il deus ex machina é un incidente, che porta alla morte cerebrale di un ragazzo. Ma il cuore no, il cuore é ancora vivo e può essere donato. Per la famiglia, la fidanzata, gli amici diventa questione di interrogazioni e scelte.
***

Vi segnalo che il libro migliore dell´anno secondo D´Orrico, ovvero "La verità e altre bugie" di Sascha Arango potrebbe essere una vera e propria Corazzata Potemkin in senso fantozziano.
Stralci di una recensione da parte di un amico

"Raccontata così la trama sembra piuttosto ridicola; ma vi garantisco che la lettura del romanzo la fa diventare ancora peggiore...

Certo, sarebbe troppo scomodare Patricia Highsmith ed il suo “talentuoso” Mister Ripley. Hayden, infatti, più che un genio del crimine pare un epigono dell’esimio Rag. Fantozzi Ugo. Commette errori banali, lasciando dietro di sé tracce più grandi di quelle di un elefante: nella vita reale, con ogni probabilità, sarebbe stato arrestato nel giro di poche ore...Per il resto, Arango tende ad esagerare con i colpi di scena: sono come una manciata di prezzemolo che scarica qua e là, all’interno della trama, facendo crescere l’irritazione dell’inerme lettore (che deve subire cotanta tracotanza). Nell’arco di appena 250 pagine, fa succedere di tutto ed il contrario di tutto, con l’intento di stupire, ma dimostrando solamente spocchia e superbia"

Era anche la mia impressione avendo letto degli stralci del libro riportati da D´Orrico stesso. Visto che il romanzo sta veleggiando abbastanza alto nelle classifiche, il mio intento non é di polemizzare con chichessia, ma eventualmente di aiutare a evitare fregature.

***
Segnalazioni Indietracks con piccoli editori che crescono

La maturitá del 1953 di Uwe Johnson (edizioni Keller). Essere giovani nella DDR pre-Muro.

Purgatorio di Tomas E.Martinez (edizioni SUR). Ghost story, desaparecidos, politica argentina, storia d´amore. Mi dicono sia bellissimo.
  
Tre volte Giugno di Julia Glass (edizioni Nutrimenti). Romanzo corale, fluviale, saga familiare. Anche di questo mi hanno parlato benissimo. E consigliato di leggerlo a Giugno

***
Una domanda: dove é finito Robert Coover? Si pubblicano e scoprono/riscoprono/rilanciano i Barthelme, i Brautigan, i Barth, addirittura Robbins.
Qualcuno si occuperá anche del bizzarro, satirico e (forse) post-moderno Coover?
Da Guanda sta per essere ripubblicato Sculacciando la cameriera. Ma temo non basti
 

Commenti