LIBRI E RECENSIONI. DONATO CUTOLO - 19 DICEMBRE 1943

LA GUERRA E LA CAMPAGNA

19 Dicembre 1943



Come non essere affezionati a un autore che ha aperto, a Maggio 2013, lo Sportello Emergenti con il suo "Vimini".
Era una storia bucolica che apprezzai, una vicenda lirica e fragile, accompagnata dalle musiche di Mesolella degli Avion Travel (é questa una specializzazione della casa editrice Zona, che fin qui ha pubblicato l´opera di Cutolo).

Cutolo torna ora in libreria - sempre con accompagnamento musicale (di nuovo Mesolella e Daniele Sepe) e questa volta anche recitato (Paolo Rossi) - con 19 Dicembre 1943.
Lo scrittore alza le ambizioni, cimentandosi con la storia, con la guerra mondiale, ma non mutano le ambientazioni campagnole, il lirismo, e se vogliamo ancora la fragilità, quella dei personaggi e dei sentimenti descritti, vite e destini sempre a un passo dal rompersi, dallo smarrirsi.

Per questo suo nuovo romanzo breve (o racconto lungo) Cutolo asciuga un po´ lo stile, modera le metafore, dà di nuovo il meglio nella descrizione della natura e del suo rapporto con personaggi fondamentalmente "In fuga e ricerca" (molto in breve Ettore - il protagonista - cerca di trovare la sua amata Ada dopo o durante un rastrellamento dei Naszisti, da questo parte una sequenza di Flashback che vanno a ricostruire una minuta storia di campagne squassate dalla guerra).
Qualche eccesso didascalico invece laddove appunto in poche pennellate si descrive il passato dei personaggi, mi pare che Cutolo sia insomma più bravo quando si passa all´azione.

É comunque una storia ben architettata e che mostra una maturazione dello scrittore, ci sono maggiore equilibrio e più controllo stilistico, a fronte di una storia non originalissima ma come dicevo più ambiziosa, e giocata con buona mano nel restituire un´atmosfera mossa, vagamente onirica e allucinata, senza insomma pretese di rimanere nell´ambito di un realismo puramente "documentario".

L´autore ha anche un sito Internet molto curato, per farvi un´idea vi lascio Un Link all´anteprima del romanzo e alle tracce musicali.

In ultima analisi, ho apprezzato anche questa nuova prova di Cutolo, e visti i buoni riscontri chissà che il prossimo passo non possa essere un medio/grande editore.

Commenti