NEWS IN BREVE - GIALLI IN ARRIVO: MANKELL E WINSLOW (SENZA DIMENTICARE NESBO)

TRE NOVITÁ 


nuove uscite di genere Giallo



Intanto rimaniamo in attesa del prossimo Nesbo non-Hole "Il confessore" (da Einaudi) un altro no-Hole che ha avuto critiche ottime all´estero e con un "deus ex machina" molto stimolante, un carcerato che pare essersi messo il cuore in pace e ascolta le confessioni dei compagni di cella...finché arriva una confessione riguardante suo padre, che cambia tutto...e a quel punto Sonny (il protagonista) DEVE scappare dal carcere e cercare la veritá.
Doveva giá uscire ma evidentemente é stato ritardato. Chiederó informazioni.

Ma consoliamoci, per chi ama il genere svedese/scandinavo, sta per uscire un nuovo Mankell (no-Wallander) "L´occhio del Leopardo", di ambientazione africana (lo scrittore svedese é un amante del "continente Nero" e fa il pendolare tra Svezia e Mozambico), non é strettamente un giallo anche se crimine e violenza sembrano fare la loro comparsa (e come potrebbe essere altrimenti?), il Guardian ha addirittura tirato in ballo Celine, Greene e Conrad.

Consolandosi ad altre latitudini, esce in questi giorni il nuovo Winslow, ovvero "Missing. New York". É l´inizio di una nuova serie con protagonista il commissario Frank Decker.
Per la cronaca, Winslow scrive tanto, tantissimo, é ora impegnato nel sequel del Potere del Cane, negli USA ha esordito con una serie (The Neal Carey mysteries) da noi ancora inedita - e al contrario questo Missing viene portato sul mercato europeo senza essere ancora uscito negli Stati Uniti.
Di solito i suoi romanzi sono "garanzia di qualitá"-giallesca, un Ellroy piú potabile e commerciale, ma con personaggi spesso forti e la capacitá di dipanare trame anche complicate.
Chissá se Frank Decker é parente di Bill, sceriffo di Dallas ai tempi dell´omicidio Kennedy.

Commenti

  1. Mi sa che almeno un Mankell nella mia vita dovrò leggerlo…

    RispondiElimina
  2. grazie del tuo commento. Sono belli quelli di Wallander (consiglio: partire nell´ordine giusto), dei non-Mankell ho letto "Il maestro di danza" e mi é piaciuto molto

    RispondiElimina

Posta un commento