SPORTELLO EMERGENTI: CLASS REUNION


ROSA SENZA SNOBISMI

si trova su Amazon





AUTORE:

EMILY SUSAN BELL (PSEUDONIMO DI...?)

 

TITOLO:

CLASS REUNION: LA REGINETTA DEL BALLO

 

CASA EDITRICE:

SELF-PUBLISHED SU AMAZON

 

LINK AL LIBRO:

Pagina del libro su Amazon


Confesso la mia parzialitá. Emily é mia amica, in copertina c´é un´altra amica, quindi non stupitevi di niente, e non guardatemi cosí. Magari non avrei letto questo Rosa/Chick Lit se lei non fosse stata mia amica e non me lo avesse dato in anteprima per alcuni pareri (peraltro da lei ricambiati quando io le ho dato qualcosa di mia).

Detto questo, credo di saper distinguere. E questo é un libro che ho letto, mi é piaciuto e mi ha divertito. Ecco, credo che ognuno in propria coscienza sappia di se stesso che tipo di lettore é quindi apprezzate la mia onestá, se il genere non vi parla evitate in partenza per poi non dover essere delusi, peró non si vive di soli Pynchon e Krasznahorkai (beccatevi questo! ah, ne parleró) e a me Class Reunion ha regalato un paio d´ore spensierate e dei veri sorrisi e risatine (per dire, a me non fanno ridere i comici di Zelig, non mi fa ridere Zalone, ho un umorismo tutto mio, anche questo é un Disclaimer).

Il genere ha le sue convenzioni, puó sembrare semplice, ma Emily (mi fa un po´strano chiamarla cosí) sa come si fa, mi pare che prema consapevolmente sul pedale di un cinismo che si avvicina a volte alla crudeltá, eppure vuole bene ai suoi personaggi e in particolare alla principale, la "stronza" Jennifer, l´esemplare di girl "popolare" di tanti film universitari (avete presente quelli tipo Kiss Me, Never been Kissed etc etc - robe che mi sono sempre piaciute). Naturalmente Jennifer avrá una in- oppure una e-voluzione, tutto rimane nell´ambito del genere ma con alcune idee non banali, battute e dialoghi azzeccati e - cosa rinfrescante e immagino non semplice nell´ambito del genere - personaggi non stereotipati (vedi madre e padre della protagonista).

Lettura da spiaggia? Probabilmente si! E che c´é di male, in fondo?
 

Commenti

  1. Marco si dà al rosa? Non c'è più religione. :-D

    RispondiElimina
  2. gli Aerosmith dicevano "Pink is the colour of passion". ma intendevano un´altra cosa :-)

    RispondiElimina
  3. Beh, questo rosa merita proprio ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento