SALONE SECONDO GIORNO

ANCHE OGGI: PICCOLI E ORGOGLIOSI EDITORI, SOPRATUTTO






La giornata é andata in maniera un po´diversa da come avevo pianificato. Diciamo che ho iniziato a girare COSTRUTTIVAMENTE per il Salone dalle 15.15 circa. Prima mi sono fatto una passeggiata sul LungoPo. Altrimenti veramente giocavo le mie carte tutte subito, tutte insieme.

Gli Stand dei Grandi Editori sono superaffollati e assomigliano a librerie, per cui mi sono dedicato con soddisfazione ai medio-piccoli.

Domani sará la giornata di Zandonai perché ho visto cose balcanico-mitteleuropee che mi interessano (avrei dovuto vederle PRIMA di andare a Budapest, peró).

Da Delvecchio ho comprato Quasi Mai del messicano-americano Daniel Sada. Ho avuto l´onore di essermelo fatto vendere dal traduttore. Ecco qui un bel Link Croccante

Da L´Orma ho preso quello che penso sia una figata assoluta, ovvero La terra della prosa (Link) un approfondimento su 30 scrittori italiani degli anni zero, mi sembra fatto proprio bene, pareri, ritratti, critica. Si parla di crisi dell´editoria (e sicuramente é realtá) ma questi piccoli editori fanno un lavoro egregio. Domani alle 14.30 lo presentano, nell´Independent´s Corner

Oggi ero in vena di critica/saggistica, e allo stand di un editore che non conoscevo (Codice Edizioni, di Torino), ho preso questo Come leggere uno scrittore...scrittori tipo Chandra, Ford, Roth che parlano di se stessi (chiaramente una raccolta di articoli eterogenei, ma tant´é i nomi in ballo sono di quelli interessanti).

***

Ah - eventopresentazione di Michele Mari, ok, va bene, lui affascinante, colto, diretto, ma

1) Acustica disastrosa

2) I due presentatori che hanno parlato piú di lui...ma su, date spazio allo scrittore

3) SPOILER come se piovesse su Roderick Duddle

***

Ho visto nello Stand di Fandango come siano ancora in vendita volumi di Alet (vi dicono qualcosa Gaddis, Vollmann etc etc)? Domani gli chiedo cosa ne vogliono fare. Ah, la crisi

***

Celebritá avvistate:

Alan Friedman

Marrazzo (?) - puó essere? intendo il direttore di Rai3

Giovanni Lindo Ferretti

***

Quando saró meno stanco, vi diró i motivi per i quali noi LETTORI AVVEDUTI dobbiamo essere molto piú attenti vs. i piccoli-medi editori.

Commenti