LIBRI E RECENSIONI. RECENSIONI IN PILLOLE. BERNARD MALAMUD - IL COMMESSO

SULLA MORALE E SULLA PIETÁ

Bel romanzo di uno scrittore ammirato da Bellow e da Roth (insomma non proprio gli ultimi della fila), si capisce credo il "dolente ironico understatement" che ha caratterizzato vita e scrittura di Malamud. Forse qui c´è qualche simbolismo di troppo, ma anche personaggi potenti, e una riuscita ambientazione in una New York che ti immagini sporca, fumosa, proletaria e completamente priva di opportunità per chi ritenga di voler sopravvivere in modo onesto.

I temi di Malamud sono quelli di molti scrittori ebrei: peccato, tentazione, redenzione, la difficoltá di vivere la propria vita in maniera "morale", la difficoltá di sottrarsi a un destino apparentemente già scritto (come giá scritto in qualche modo era il destino del popolo ebreo).
Ma Malamud mostra e non spiega - specie attraverso i suoi personaggi, non fa la morale ma lascia che sia il lettore a parteggiare per uno o più dei personaggi stessi, che insomma indirizzi la propria umanità e pietà (o esattamente il contrario) laddove preferisce, laddove lo conducono le pieghe della storia.
Decisamente riuscito.

Commenti

  1. Se ne parla bene Roth e ne parli bene anche tu, è da leggere! In lista.

    RispondiElimina

Posta un commento