LIBRI E RECENSIONi. JO NESBO - I LIBRI CON HARRY HOLE IN SEQUENZA

BIBLIOGRAFIA DI JO NESBO


Giallo scandinavo




Lo spunto mi viene da alcune domande di lettori, visto che la bibliografia di Jo Nesbo in italiano è in via di incasinamento e passerò a dire perché.

Nesbo ha scritto tre filoni di opere: i celeberrimi gialli con Harry Hole, gialli SENZA Harry Hole e libri per bambini.

Per quanto riguarda Harry Hole, la sequenza giusta è la seguente, in ordine di pubblicazione in italiano.

1) Il Pettirosso
2) Nemesi
3) La stella del diavolo
4) La ragazza senza volto
5) Uomo di Neve
6) Il Leopardo
7) Lo Spettro
8) Polizia
9) Sete

Tutto bene e tutto ok, senonché PRIMA del Pettirosso venivano (erano state scritte) altre due storie di Hole. Il lettore attento (...) nota giá che nel Pettirosso si fa riferimento a qualcosa che a Hole è accaduto a Sidney. A un caso e a un serial killer, che per il protagonista diventa un´ossessione.

Insomma il primo in assoluto è Il Pipistrello e prima del Pettirosso c´è ancora Scarafaggi, nel frattempo usciti per Einaudi, e che mi si segnalano essere sensibilmente inferiori a quelli venuti dopo.

Li ho letti tutti, devo dire che il primo - Il Pettirosso - è semplicemente il miglior giallo scandinavo mai letto da me, superiore anche a Larsson, Persson, Mankell. C´è una dimensione sociale e politica che poi è venuta un po´a mancare, e non si è ancora compiuto il processo di americanizzazione / eroicizzazione di Hole, che rimane un archetipo, un certo modo di concepire il protagonista tormentato-eppuretenero-isuoilatioscuri-lottaconlacol-piacealledonneeancheaibimbi, ma che appunto nel corso della saga a volte diventa davvero TROPPO indistruttibile, TROPPO intuitivo. Ma sono cose che si perdonano, anche perché dopo alcune prove sbiadite (ad esempio l´Uomo di neve e il Leopardo, con lo Spettro e Polizia si è tornati a volare piuttosto alto).

***
E´ possibile che anche Nesbo, da uomo intelligente e poliedrico (è pure musicista rock, tra l´altro) si sia reso conto che per forza di cose troppa serialità esaurisce la creatività, e si sta aprendo/si è aperto ad altre opere. Quindi

Il Cacciatore di Teste, che è un giallo SENZA Hole

Il Figlio, un altro no-Hole che ha avuto critiche ottime all´estero e con un "deus ex machina" molto stimolante, un carcerato che pare essersi messo il cuore in pace e ascolta le confessioni dei compagni di cella...finché arriva una confessione riguardante suo padre, che cambia tutto...e a quel punto Sonny (il protagonista) DEVE scappare dal carcere e cercare la verità.

Tanto per non fermarsi mai, Nesbo ha poi escogitato una "nuova serie" ambientata nella Norvegia di fine anni ´70, questa è costituita da Sole di mezzanotte e da Sangue e neve, sempre editi da Einaudi e sui quali non ho sentito mirabilia, a dire il vero.

***
Spero di aver contribuito a fare un po´di ordine, e dico - per gli amanti del genere - Nebso va letto, Nesbo é thriller/noir all´ennesima potenza (D´Orrico dalle pagine di Sette l´ha a lungo "Portato" come miglior thriller mondiale, prima di innamorarsi di Lemaitre), Nesbo Rocks!

Commenti

  1. Avendo conosciuto Jo Nesbo solo per caso. Tramite un forum di amanti del fumo lento. Sul quale sono iscritto. (fumo la pipa) Ho provveduto ad acquistare tutta la serie di Harry Hole. Da Il Pipistrello a Polizia. Letti, tutti d' un fiato. Ora scoprendo, sempre per caso, Cockroaches, Scarafaggi, ogni volta che passerò in libreria: "sarà mia premura" cercare Scarafaggi. Di Nesbo. La collana H. Hole mi è piaciuta moltissimo. Ora sto leggendo Il Cacciatore di Teste. Con Scarafaggi ultimo della serie H. Hole, credo che anche dopo sposato non lesini l' impegno alle indagini ... Colgo l' occasione, per un perere: Personalmente avrei concluso la serie, Hole, con un ritorno alle gioventù. L' ultimo libro che raccontasse, in via di racconto nel racconto. Per esempio Hole che racconti a suo figlio, e di Rakel, le sue origini. Dove da bambino/ragazzo ascoltava i racconti di suo padre, riguardanti il nonno che, con la propria logica deduttiva: aiutava gli inquirenti a risolvere casi difficili. In via di consulente esterno. (naturalmente la mia è solo un' idea) Insomma le doti di Harry da qualche parte dovranno pur venire! ... :)

    RispondiElimina
  2. graszie del commento. Scarafaggi non é ancora uscito, non é l´ultimo ma il secondo sta a metá tra il Pipistrello e il Pettirosso, insomma.
    La tua é una buona intuizione ma non so se il romanzo di formazione sia nelle corde di Nesbo

    RispondiElimina
  3. Non c' è di che, figurati! E' un piacere scambiare opinioni su un argomento, la lattura, del quale sono un' aficionados sostenitore. Che "Scarafaggi" sia il secondo della serie ... pazienza! Quando uscirà; se uscirà? Non potrò farmelo mancare. Sulla questione della mia (idea ...) conclusione alla collana: è certo! Nesbo ha sicuramente una sua tiratura, letteraria, che va oltre le mie fisse ... :) (avrei avuto anche il titolo) Certo è che, dopo aver letto la collana H. Hole trovarsi il secondo volume, magari dopo mesi; o-chessò anni. la storia potrebbe annebbiarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho da pochi giorni finito di leggere "Il Cacciatore di Teste". Anche senza la presenza di Hole; il libro ha una sua intricatissima trama. Che ti prende quando cominci ad intenderne il nesso. Una mente (Roger Brown il cacciatore di teste) geniale e prespicace che fa del testo una lettura tentacolare che non ti molla... Clas Greve, altro personaggio, che si crede più capace ... ma non supera Brown. La mancanza di Hole, si sente poco. (dopo aver letto d' un fiato la serie) Personalmente non lo farei morire. Ma invecchiare... (ma questa è un altra storia)

      Elimina

Posta un commento