LIBRI E RECENSIONI. JFK E DINTORNI

IL BRAVO BLOGGER

Il bravo Blogger utilizza la vacanza per rigenerarsi, fare attività fisica, leggere molto e pianificare i prossimi temi per il proprio Blog.

Ho iniziato a leggere "La maledizione di J.Edgar" di M.Dugain (ottime prime impressioni). Ciò mi ha ricordato che c´é tutta una rete di libri attorno al tema del complotto, dell´influenza di una strana alleanza mafia-FBI-l´immancabile Howard Hughes nella storia americana del dopoguerra e sopratutto (così dice la vulgata) nell´omicidio di Kennedy.

La mia fascinazone per quest´ultimo evento deriva dalla lettura di un "Documento terribile" di Panorama, trovato nella libreria credo di mia nonna. Negli anni ´60 si faceva giornalismo vero. I suddetti "Documenti terribili" (già il nome é un programma) erano dedicati ad eventi drammatici della storia recente: i Kamikaze, Matteotti, il processo di Norimberga e così via.

Quello su Kennedy era decisamente fatto bene: da una parte (diciamo il primo 65% del libro) i dati ufficiali, ovvero i risultati dell´indagine della Commissione Warren. E fin lì il lettore (specie se giovane come me ai tempi) addirittura poteva intravedere dell´eroismo in Warren e i propri collaboratori, efficienti nel chiarire in tempi brevi "il caso".
Pero il 35% finale dava spazio - in maniera oggettivata ma non priva di senso della scrittura e del ritmo - a tutte le indagini collaterali, quindi il "notorio" procuratore Garrison (poi eroicizzato da Oliver Stone), passando per le "morti misteriose" dei vari testimoni, per il mitico Clay Bertrand/ Clay Show, Ferry dalle sopracciglia dipinte e così via.

Il documento terrribile - e poi un vuoto di vent´anni.

E dopo finalmente la letteratura americana riprende a interrogarsi e arriva Ellroy con la sua monumentale trilogia, qualche anno prima - ma in maniera un po' raggelata, intimistica e ermeticamente postmoderna - c´era stato De Lillo e il suo Libra. Se vogliamo negli ultimi tempi abbiamo visto anche Stephen King dare il suo "take" sulla faccenda.

Ma tocca documentarsi, perciò questo é solo un primo spunto, un proposito per il dopo-vacanze e una dichiarazione di intenti. E saluto il sarto Zapruder senza il quale tutto ciò non sarebbe stato possibile.

Commenti

  1. hai fatto delle rivelazioni pericolose. soprattutto per la tua "sicurezza"...e anche quella mia!

    Roberto

    RispondiElimina

Posta un commento