LIBRI E RECENSIONI. REGIS MARTIN DU GARD - CONFESSIONE AFRICANA

COSE PICCOLE, E PREZIOSE


Regis Martin du Gard


Questo Confessione Africana di Roger Martin du Gard, noto per il ciclo dei Thibault, è di fatto un racconto breve, uno di quei libretti smilzi ma succosi, che con pochi tocchi d´autore riescono ad avvincere pur nelle dimensioni limitate.

Nella finzione letteraria (du Gard finge di riportare a un immaginario "Caro amico" una vicenda, una conversazione da lui avuta durante una traversata tra Africa e Italia) si vedono scorrere delle vite, quelle della famiglia Barbazano-Luzzati, proprietaria di una libreria in una città del Nordafrica, non identificata con precisione.
Nelle vita dei due fratelli Barbazano (lui Leandro, lei Amelia) c´è però un turbamento, o un segreto, che è oggetto della confessione stessa.

Pagine eleganti e allo stesso tempo - a tratti - sensuali e torride come l´ambientazione paiono alludere all´epoca dorata della gioventù e all´inevitabile normalizzazione apportata dal destino, dalla maturità, dalle vicende della vita. Sono proprio l´eleganza e la compostezza formale della scrittura a fare da contraltare agli aspetti diciamo scabrosi (cito la quarta di copertina) della vicenda, quasi illustrandoli e rasserenandoli in una storia che si rifiuta di diventare sensazionalista, informata dall´espediente letterario su cui è basata, ovvero la semplice raccolta di una confessione da parte di uno scrittore/cronista che si sforza di dare una veste oggettiva alla narrazione, affascinato sì dal racconto che gli si distende davanti, ma rifiutandosi di giudicare o appunto di farne un racconto da scandalo per borghesi.

Il rischio chiaramente è di fare ora una recensione più lunga di quanto non sia il libro, che è godibile, raffinato e permette di scavallare un´oretta tra emozioni soffuse e scrittura quanto mai elegante, che non a caso trova patria nella sobria edizione di Adelphi.

---------------------------------------------------
Informazioni sul libro
Regis Martin du Gard - Confessione Africana
Traduzione di Ena Marchi
Ed. Adelphi 1993
61 Pgg.
Attualmente in commercio 
----------------------------------------------------- 


Commenti