LIBRI E RECENSIONI. ANTOINE DE SAINT EXUPÉRY - IL PICCOLO PRINCIPE

LA LACRIMA. L´ARCANO.



Risultati immagini per saint exupery il piccolo principe mondadori


Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, questo libro che ho scoperto tardi, che forse non volevo neanche scoprire, che - consigliato da un´amica - ho ricevuto in un´edizione dei Meridiani di Mondadori, il che - credo - magari vuol dire qualcosa, mi mette in difficoltá nello scrivere una recensione. Da una parte pare essere un classico, dall´altra suscita grandi contrasti, per cui viene difficile trattarlo come uno di quei testi imprescindibili nella storia della letteratura. Uno si sente quasi ridicolo, cerca riferimenti. Perché sta nei classici, nei Meridiani? E perché in giro per la Rete viene a volte ridicolizzato, schifato?

Ora, io credo che questa sia una fiaba per adulti, poetica, simbolica, e in alcuni punti arcana, come può esserlo il libretto del Flauto magico di Mozart, una di quelle situazioni in cui bambino, adulto, Papageno, serpente e critico letterario si incontrano, per capire chi di loro abbia ragione, chi abbia torto. Una storiella. Ma figurati. I simboli, qui ci sono i simboli. Possiamo parlare di massoneria, dell´ebreo, o semplicemente del senso della vita come lo riassumerebbe un bambino.

A me il libro è piaciuto, e mi ha strappato anche qualche lacrimuccia, parlo dalla prospettiva di chi ne sapeva poco poco o niente, ci ho visto la poesia e una reale ispirazione, ma con un testo di questo genere, così peculiare,sento di aver bisogno d aiuto, per questo riterrei necessario il dialogo con chi me lo ha fatto conoscere, l´amica Elisa di Odordigelsomino, a cui ho rivolto qualche domanda, ho esibito qualche riflessione.


Finita la lettura, che è stata commovente, mi son chiesto di quanti livelli si componga questa storia, c´è ovviamente un primo livello di fiaba. Ma io direi di fiaba adulta, poi abbiamo degli altri livelli, dei simbolismi molto scoperti (l´uomo dei numeri come polemica contro la prevalenza capitalista della produttività) e altri più arcani (la volpe, il serpente, la stessa rosa).

Elisa- Il piccolo principe credo sia uno dei migliori esempi di libri per bambini che non sono, in realtà, per bambini – o almeno non solo. Certo il cinquenne rimane affascinato dall´originale storia di questo principino che vive su un pianeta lontano e che un giorno decide di esplorare l´universo, ritrovandosi infine sulla Terra. Ma poi c´è quella che tu giustamente definisci fiaba adulta – che può essere goduta appieno solamente dall´adolescenza in poi proprio perché offre diversi livelli di lettura – che racconta di solitudine, d´amore, di incontri, attese e addii con uno sguardo particolarmente struggente e profondo e facendo larghissimo uso di simboli. Oltre alla figura del piccolo principe, è proprio il linguaggio simbolico a conferire un´aura d´incanto al libro, che sembra quasi portare in sé un “segreto”.

Io poi non penso che tutti i simboli vadano sciolti, non credo sia necessario capire se la rosa sia un riferimento alla moglie, o all´amore, o ancora – come leggevo nella prefazione – alla condizione degli ebrei in Europa nelle adiacenze della prima guerra mondiale, così come il pezzo della volpe è emozionante anche senza per forza chiedersi se si alluda all´amicizia virile.

Elisa- Ognuno può e deve vederci ciò che vuole, si presta alle interpretazioni più disparate. Delle volte però è molto meglio godersi semplicemente ciò che c´è scritto per come è scritto, non spiegarsi e spiegare tutto: razionalizzare Il piccolo principe è la sua antitesi. Riguardo alle spiegazioni “storiche” io sono sempre piuttosto prudente, mi paiono una forzatura – ma magari poi invece Saint-Exupéry intendeva proprio quello, chissà.

Una cosa me la chiedo, come mai questo libro suscita reazioni contrastanti? Mi pare una bella fiaba, e certamente nella sua natura di fiaba probabilmente merita di stare tra i classici della letteratura, che a loro volta infatti si dividono in diversi generi e diverse grandezze. Quindi metterlo tra i classici non significa che lo si contrapponga – che so – a Flaubert o Tolstoj. Insomma, non vedo alcuna lesa maestà a considerarlo un piccolo grande capolavoro, se si accettano appunto questi assunti, la natura di fiaba e il fatto che tutto sommato la grande letteratura dovrebbe o potrebbe suscitare emozioni, e questo è un libro emozionante.

Elisa- Il piccolo principe mi accompagna sin dall´infanzia, lo rileggo periodicamente e ogni volta è una sorpresa. Se un libro riesce ad essere nuovo ad ogni lettura, ad emozionarci e svelarci qualcosa che la volta precedente ci era sfuggito, ecco: non può non essere un capolavoro. È estremamente poetico seppur essenziale (ci sono capitoli lunghi una dozzina di righe, sui quali si può ragionare per ore) e riesce a “parlare al cuore” senza essere stucchevole. Al di là dei gusti personali – per cui effettivamente può non piacere, come qualsiasi altro libro – ho notato esserci una sorta di snobismo letterario, c´è anche chi lo detesta senza averlo mai letto. È come se la fama del libro abbia fatto sorgere pregiudizi, ma il fatto che a distanza di oltre settant´anni continui ad essere letto e amato mi pare un segnale importante. Bisognerebbe riconoscere al Piccolo principe maggiore dignità: il massimo che gli è stato concesso è la definizione di “classico per l´infanzia”, una definizione riduttiva e fuorviante che non gli rende affatto giustizia.

Poi chiaro che il pensiero va alla vicenda umana di Saint-Exupéry, alla sua fine avvolta se vogliamo nel mistero, credo che questo abbia contribuito al fascino del libro.

Elisa- Il libro penso abbia una fascinazione tutta sua e indipendente dalle vicende legate all´autore, che io stessa ho scoperto solo in tempi relativamente recenti. Ma il fatto che Saint-Exupéry abbia davvero avuto, durante la sua carriera di aviatore, una panne nel deserto mi ha portato a chiedermi cosa gli sia capitato in quei giorni e come e in che modo ciò possa essere legato alla genesi del Piccolo principe. E anche la morte dell´autore sembra non poter essere razionalizzata, proprio come il suo libro: come spiegare la sua sparizione in volo? I resti dell´aereo sono stati ritrovati solo una decina d´anni fa, di lui invece non è rimasta alcuna traccia.

Io metto tra le scene e i dialoghi più emozionanti il primo incontro con il principe, quello della volpe e ovviamente il finale, mi piacerebbe sapere quali sono i tuoi. Magari gli stessi ma dillo con le tue parole.


Elisa- L´incontro tra l´aviatore e il piccolo principe, che avviene con una bizzarra richiesta – “mi disegni, per favore, una pecora?” –, introduce nel migliore dei modi quello che è un po´ il fil rouge del libro, la contrapposizione tra l´ingenuità dell´infanzia e il disincanto dell´età adulta. Il dialogo con la volpe, che insegna al piccolo principe cosa significa addomesticare, è – mi sbilancio, ma provate a leggerlo ad una persona a cui volete bene senza che ad un certo punto vi si rompa la voce – una della pagine più belle della letteratura. Aggiungo la ricerca del pozzo, quell´acqua che il piccolo principe trova così buona perché nata da una marcia notturna sotto le stelle e dalla premura dell´aviatore nel porgergliela. L´addio del piccolo principe all´aviatore è commovente, ma fa sorridere tra le lacrime: le stelle ridono davvero per chi ha letto Il piccolo principe

---------------------------------------------------
Informazioni sul libro

Antoine de Saint-Exupéry - Il piccolo Principe
Traduzione di Leopoldo Carra
Ed. Mondadori (I Meridiani)
151 pgg.
Attualmente in commercio
----------------------------------------------------- 

Commenti

  1. Io amo il Piccolo Principe, penso che sia un capolavoro. Il fatto che sia illustrato e scritto in uno stile adatto anche ai bambini, e quindi apprezzato anche da loro, non lo rende inferiore anzi. In poche pagine Saint-Exupéry spiega il modo di pensare degli adulti, e lo critica, in favore della purezza del pensiero dei bambini. A parer mio è un libro rivolto prettamente agli adulti. Non riesco a capire come mai certe persone debbano giudicare senza neanche averlo letto..voglio dire, in una giornata si legge quindi cosa perdi a provarci?

    RispondiElimina

Posta un commento