LIBRI E RECENSIONI. AUSTIN WRIGHT - TONY & SUSAN.

UNA STORIA NELLA STORIA


Recensione di Graziano Ongetta



Tony e Susan è un romanzo che si svolge su due binari paralleli. Un giorno Susan riceve dall'ex marito Edward un libro, il suo libro non ancora pubblicato, con la preghiera di leggerlo per poi dargli le proprie impressioni ed eventuali critiche, Susan è all´inizio riluttante perché in gioventù aveva stroncato ogni suo tentativo di scrivere, bollandolo sempre come immaturo e scialbo negli argomenti che trattava, ma è pur vero che la curiosità è (forse) donna: quindi incomincia la lettura di "Animali Notturni" e subito si stupisce, la storia non solo è buona ma la tiene via via sempre più incollata alle pagine.


Tony, il protagonista del libro, subisce un grave incidente, non è pronto a tutto quello che gli capiterà, è un insegnante di matematica, uno "civile, uno civilizzato", uso queste parole perché vedrete che nel libro ricorreranno e mentre Tony vive nelle mani del grande burattinaio, lo scrittore, il Dio che tutto può, Susan legge e noi la vediamo vivere in intermezzi ben calibrati e veniamo a sapere del passato con Edward, del suo marito attuale, della sua civilissima vita e mentre quella di Tony nelle pagine va in frantumi, quella reale di Susan fa lo stesso ma in un modo più sottile, emotivo.


Avrete quindi morti, perché quelli ci vogliono, avrete riflessioni sul potere della scrittura e su quello della lettura, il tutto con una crescente sensazione di imminente catastrofe, dentro e fuori dal libro che Susan legge; ad orchestrare questa sensazione permanente e crescente come una marea è il più grande di tutti i killer della storia umana: la stupidità. Vi sorprenderà sapere che qualcuno abbia scritto un romanzo sulle varie gradazioni della stupidità ma credetemi è così.. Non crediate però che un romanzo sulla stupidità sia necessariamente stupido. questo lo deciderete voi, chiusa l'ultima pagina.





L'idea che mi sono fatto io, terminato il libro è che la storia "tiene" e anche le reazioni sono umane e credibili per quanto riguarda Tony mentre, in tutta sincerità e senza voler svelare troppo, non ho capito dove stia la vendetta di Edward nei confronti di Susan. Concludendo, per più di metà del libro si tratta di un ottimo romanzo, che però l'autore chiude malamente (in particolare la "parte" di Susan), perciò posso dire che mi abbia deluso ma magari sono io che non ho capito, visto che Saul Bellow sostiene si tratti di un capolavoro.


----------------------------------------------------
Informazioni sul libro
Austin Wright - Tony & Susan
Ed. Adelphi 2011
Traduzione di Laura Noulian
408 pg.
Attualmente in commercio 
-----------------------------------------------------

Commenti