LIBRI E RECENSIONI. STEFANO AMATO - IL 49ESIMO STATO


SPIRITOSE DISTOPIE




Era stata un´niziativa lodevole quella di Feltrinelli insieme a un gruppo di piccoli editori (in questo caso Transeuropa) - la collana "Indies" ovvero il tentativo di mettere insieme il talent scouting dei "piccoli" e la forza promozionale e distributiva del grande editore.
Si inizia quindi con questa distopia di Stefano Amato (scrittore, blogger, libraio), dove si immagina che a fine 2° guerra mondiale la Sicilia sia stata annessa agli USA come (appunto) 49° stato.
Al di là dello spunto che viene giocato in maniera abbastanza gustosa, il romanzo sembra una versione fedelissima delle storie rock (o indie/rock) alla Nick Hornby; nulla di originale, ma vissuto con sincerità e sano amore/rimpianto per l´adolescenza dei sogni e dei turbamenti.
Peccato che tutto quanto viene costruito con attenzione artigianale e amore per i personaggi venga un po´svilito da un finale frettoloso, dove si vogliono sciogliere tutti i nodi con l´effetto di crearne altri - non che uno si aspettasse a un certo punto una svolta realistica, però la sensazione é che si affastellino eventi "ad accumulo" quasi come se fossero stati immaginati 2-3 diversi sottofinali senza che l´autore abbia deciso per quale optare.
Detto questo, lettura gradevole anche se sostanzialmente innocuo e mezzo voto Anobiiano in più (che non posso aggiungere, si legga quindi 3 e mezzo) per l´iniziativa.

Ps: l´iniziativa ha avuto seguito frammentario e pare poi essersi spenta, peccato

Commenti