LE ANTICIPAZIONI. ERICA JONG. UN GIALLISTA NORVEGESE. NICOLAS COUCHEPIN

RESIDUI DI 2015


Autunno 2015




Raccolgo qui alcune anticipazioni, le ultime per l´autunno, credo almeno, prima di prepararsi a un 2016 che vedrà anche (come sempre) pubblicazioni importanti.

Inizio con un carico da 90, ovvero Erica Jong che torna in libreria a 12 anni dal suo ultimo romanzo con Fear of Dying, nel titolo un chiaro riferimento al suo romanzo più celebre, Bompiani ha deciso (anche nella grafica) di posizionarlo un po´chick-lit (ma chick-lit con cerniera, diamine!) come Donna felicemente sposata cerca uomo felicemente sposato. Va detto che uno dei titoli presi in considerazione dalla Jong era proprio "Happily married woman".
Ora, é possibile che la Jong sia creatura/scrittrice da "unico libro" insomma una specializzazione,
un´idea principale, descrivere una donna felicemente in fregola e promiscua esattamente (scandalo scandalo) come un uomo. Chiaramente nel 1973 aveva un impatto, oggi molto meno.

Detto questo, lo spunto é felicemente jonghiano, torna Isadora Wing (che sta alla Jong un po´come Zuckerman sta a Roth) e si parla di una donna che ha superato i cinquanta, del suo rapporto col marito piú anziano di 15 anni, con la figlia, coi genitori anziani, e con il suo desiderio ancora vivo. Un´avvertenza: l´editore sta cercando di posizionarlo come "romanzo alla Jong" proprio puntando sull´ultimo elemento, le recensioni statunitensi (non tutte positive, devo dire) restituiscono un quadro della narrazione più equilibrato e sfaccettato, appunto la visione della scrittrice sul processo dell´invecchiamento e tutto ció che ne consegue. Il romanzo esce a giorni, a inizio Ottobre

Le anticipazioni sparse, quello che é sfuggito alle reti recensorie, fan sí che sia più difficile seguire intinerari tematici e così via, per questo cambio genere repentinamente.
Parlo del mio amato genere thriller scandinavo ma - sorprendentemente - non ambientato in scandinavia.
Cioè l´autore é norvegese, si chiama Vidar Sundstöl (la O sarebbe barrata,ma non la ho sulla tastiera) ma la sua trilogia (che Einaudi - bontà loro - pubblica già completa con il nome de La terra dei sogni, quindi tre romanzi in un libro solo) é ambientata in Minnesota, presso il Lago Superiore.
Il collegamento con la scandinavia é costituito dall´investigatore (in questo caso un agente della forestale) di origine norvegese e da...non svelerei troppo, direi che Sundstöl vedendolo così da lontano (cioè non ancora letto) usa un metodo abbastanza Larssoniano, il libro potrebbe quindi consolare chi é reduce dalla lettura un po´triviale e deludente del quarto capitolo apocrifo di Millennium.
Anche questo in uscita a inizio Ottobre 2015, come dicevo tutti e tre i romanzi del ciclo sono riuniti in un unico volume.

Altro cambio quantomai repentino: uno di quei nomi e titoli che voi fedeli lettori del mio Blog direte - ecco Marco che ricomincia a inventarsi le cose.
Lo scrittore é lo svizzero (di lingua francese) Nicolas Couchepin non a caso pubblicato da Clichy. Il suo libro si chiamerà Il segreto dei Mensch. Si tratta di una saga familiare, una famiglia solo apparentemente normale, per la maniera in cui la storia é costruita (ognuno dei 4 personaggi descritti, ognuno con la propria "follia", racconta la propria visione) può far pensare a L´urlo e il furore di Faulkner, piú probabilmente é un ritratto di famiglia disfunzionale ma non alla maniera (analitica, massimalista) americana, bensì spingendo sui pedali del bizzarro, della tensione psicologica, del ritratto di interni.
Il libro viene dato "in preparazione", uscita quindi che immagino a breve.

Con questi finisco la rassegna odierna, ci risentieremo tra poco con qualche altro spunto per questi ultimi 3 mesi dell´anno.


Commenti

  1. Dio com'è triste il titolo del libro della Jong, vabbè, ci adattiamo. Magari prima mi leggo degli altri suoi eh!
    I due gialli mi incuriosiscono molto: il primo perché essendo una trilogia deve avere una bella mole, e io ho un debole per i libri dalla mole poderosa (eheh) e il secondo perché cavolo ha una trama da paura! Staremo a vedere. Intanto cerco di far passare il blocco del lettore con Calvino (folleeee).

    RispondiElimina
  2. ciao, grazie del commento. Il primo é un giallo propriamente detto, il secondo (quello della famiglia) non sono certo.

    RispondiElimina

Posta un commento